HCL DOMINO HOSTING - CLOUD EUROPEO FACILITA LA GDPR COMPLIANCE

Chiedici informazioni compilando il modulo di contatto

EuropaHCL Domino è un middleware che è stato progettato e si è imposto subito come l'ammiraglia della sicurezza e dei servizi ai livelli richiesti dalle multinazionali.
Oggi viene proposto a dei costi di possesso che lo collocano anche alla portata dei budget tipici delle PMI.
La discontinuità è significativa.
Vi è molta differenza di approccio tra le società enterprise, abituate a gestirsi in proprio la sicurezza dell'impianto, e quelle SMB che non vogliono, o non possono, farsi carico di problematiche di questo tipo.
Queste ultime in particolare scelgono i servizi in cloud. E questo rende possibile, anche per loro l'utilizzo di una soluzione server come HCL Domino.
L'offerta di Notes Domino è perfettamente adatta a queste piattaforme offerte come servizio (PAAS).
Un servizio come l'hosting, offre la possibilità di gestire le proprie applicazioni su macchine di terzi, restituisce a queste aziende lo status di utenti di sistema gestito anche nei confronti della prestazione del sistema informatico come giù è d'uso per molti altri servizi percepiti come commodity (Car sharing!).
Con una profonda e pluriennale cultura di gestione in queste modalità, alle spalle ci sentiamo tranquilli nel mettere a vostra disposizione il nostro ambiente per le vostre applicazioni. Con i service level agreement (SLA) che concorderemo e disponibilità di cloud in diverse modalità.

Le nostre proposte sono da sempre in Europa, con preferenza all'Italia. Ultimamente questa scelta si è rivelata particolarmente valida per le note ragioni correlate al caso Schrems II a seguito del quale la gestione di dati di cittadini europei in USA è divenuta problematica.

NB post eventi di luglio 2022
Quanto sopra è in linea da aprile 2021 lo possiamo dimostrare.
Oggi, Luglio 2022, sottolineiamo nuovamente e con forza che le soluzioni HCL consentono di mantenere in UE le proprie informazioni ivi compresi i dati personali e sensibili (o come si dice oggi particolari) che sono notoriamente quanto incontrollabilmente sparsi all'interno della posta elettronica.
Per fare un esempio: qualunque struttura HR riceve, anche per invio spontaneo, CV con data di nascita, cellulare e magari FOTO del candidato.
Tutto ciò, esposto in cloud extra UE, determina palesi violazioni del GDPR contestabili sia da procedimenti d'ufficio che per eventuale querela di parte.

Porsi al riparo da questi rischi è facile basta installare software corretto e verificare che il cloud ospitante sia non solo sul suolo UE, ma ANCHE e diremmo soprattutto di proprietà di legal entity europee.

Non basterà quindi porre mano a frettolose rimozioni di Google analytics (e comunque, se lo fate, ricordate di chiedere ANCHE la cancellazione di dati).
Per rispettare il GDPR ed essere realmente compliant occorre organizzarsi in modo rispettoso della privacy.
Tutto quanto detto vale in modo tutto sommato identico per imprenditori privati e PA.